Crea nuovo account
il punto di riferimento per le armi ad aria compressa dal gennaio 2004
PORTALE AC.ORG
· Home
· Premessa fondamentale
· Regolamento
· Netiquette
 
ARCHIVI DINAMICI
· Archivio argomenti
· Archivio articoli
 
DOCUMENTI
· Contenuti aggiuntivi
· Sondaggi
 
UTILITÀ
· Downloads
· Web Links
 
MENÙ PERSONALE
· Home
· Account personale
· Gruppi di discussione
· Messaggi privati
 
SONDAGGIO
Di solito dove conservi le tue armi?

In apposito locale blindato e chiuso
In apposito armadio blindato e chiuso
In armadio generico o ripostiglio chiuso
In armadio generico o ripostiglio aperto
Sopra un armadio
Sotto il letto
In posto nascosto al partner e/o ai figli
In vista nella mia abitazione
In vista nella mia abitazione, ma disattivate
Nella mia abitazione, dove capita o dove ho spazio
In luogo diverso dalla mia abitazione
Altro (specificare con un commento)



Risultati
Sondaggi

Voti: 2799
Commenti: 0
 
USER INFO
Benvenuto, Anonymous
Iscrizioni:
Ultime: JYAKristen
Oggi: 3
Ieri: 3
Complessive: 20448

Utenti Online:
Visitatori: 211
Iscritti: 0
Totale: 211
 
LUCIDATURA DEL VIVO DI VOLATA
Manutenzione

COME LUCIDARE IL VIVO DI VOLATA E REALIZZARE GLI ATTREZZI NECESSARI

Premessa
La lucidatura del vivo di volata permette al pellet di abbandonare la rigatura della canna uniformemente, cioè senza subire "microdeviazioni" che peggiorano la traiettoria, causate da eventuali minuscoli residui sul vivo non perfettamente asportati durante la varie fasi della lavorazione .
I calibri trattabili sono tutti, l’unica differenza è negli attrezzi da realizzare ma, se avrete la pazienza di leggere, le modifiche le saprete fare da soli: il calibro che esamineremo ora è il classico 4,5 millimetri.

Materiali da procurare
Sfere di acciaio da circa 6 mm di diametro (si recuperano con una certa facilità da vecchi cuscinetti a sfera);
"Cotton fiocc" con il gambo in plastica;
Mastice bicomponente;
Pasta spuntiglio (è una pasta abrasiva finissima che serve per la lucidatura delle sedi valvole nei motori a scoppio e si trova dall’amico meccanico o nei negozi di ricambi auto);
Cutter;
Stracci puliti;
Brunitore a freddo;
Feltrini per la pulizia della canna.
In più non guasta un posto tranquillo, qualche ora di tempo e tanta pazienza.

Preparazione e intervento
Prendete i "cotton fiocc" e con l’aiuto di un cutter affilato "decapitateli", riponendo con cura i bastoncini realizzati.
Lavate e asciugate con cura i pallini d'acciaio, scartando quelli che non sono perfettamente sferici (ne bastano 3 o 4).
Preparate un poco di mastice mescolando con cura i due componenti fino ad amalgamarli perfettamente.
Prendete i bastoncini e incollateli sui pallini perpendicolarmente.
Inserite i feltrini a circa 1 o 2 cm dalla volata usando una bacchetta per la pulizia, inserendo un paio di feltrini si impedirà che la pasta abrasiva finisca con l'imbrattare le rigatura della canna.
Quando il mastice sarà asciutto, controllate che l’incollaggio sia solido, poi, bagnando appena il pallino nella pasta spuntiglio, appoggiatelo sul vivo di volata e ruotate il bastoncino prestando attenzione a che il pallino sia sempre centrato e perpendicolare al vivo di volata.
Di tanto in tanto applicate ancora un po’ di pasta e dopo una mezz’ora pulite bene il tutto guardando il lavoro fatto: noterete subito che sul vivo di volata ci sarà un bordino senza più la brunitura, cambiate il bastoncino e ricominciate fino a che il bordino senza la brunitura sarà uniforme.
A questo punto pulite tutto, asportate i feltrini e sparate una decina di pellets pesanti preceduti da un paio di feltrini, in modo che le bave vengano fatte fuoriuscire, ripetete l'operazione per almeno dieci minuti con un bastoncino nuovo, partendo dalle fasi iniziali. Nel caso che la pasta abrasiva sia entrata a contatto con le rigature, pulite accuratamente il tutto prima di utilizzare l'arma. Infine, con un poco di brunitore a freddo mascherate il bordino.

Conclusione
Riazzerate l’ottica (per quelli che la usano) e buoni centri. La differenza tra un nove e un dieci potrebbe anche essere tutta qui!

© nino_co2 - aria.compressa.org - 2004

Postato il Saturday, 08 May @ 03:00:00 CEST di nino_co2
 
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!
 
Links Correlati
· Inoltre Manutenzione
· News by cmladm


Articolo più letto relativo a Manutenzione:
SMONTAGGIO HW977 DEPOTENZIATA

 
Article Rating
Average Score: 3.77
Voti: 18


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

Re: LUCIDATURA DEL VIVO DI VOLATA (Voto: 1)
di roberto il Monday, 10 May @ 16:00:23 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Ho letto con interesse l'articolo, ben fatto.
Volevo però aggiungere una raccomandazione di carattere generale, che è bene tener presente per evitare danni..

Il vivo di volata (in inglese crown) è un punto assolutamente critico per la precisione di un'arma. Qualunque intervento in questa parte va effettuato con criterio, MOLTO criterio...
La lucidatura è consigliabile soltanto quando si riscontrano dei reali problemi di precisione e si è assolutamente certi che il problema sia proprio quello, altrimenti è meglio lasciar stare. Intendo dire che questa operazione non è consigliabile se l'arma spara bene...non è mica un intervento estetico.
Se per qualche ragione si danneggia (ossia si consuma in maniera irregolare) l'angolo vivo tra anima e volata la precisione va a farsi friggere e per ripristinarla bisogna tornire la canna e rifarlo.

Si consideri che se ci sono delle sbavature evidenti dovute ad una lavorazione frettolosa e che inficiano la precisione, per toglierle molto probabilmente la sola azione della pasta lucidante non è sufficiente, ma bisogna agire con metodi diversi e lucidare solo alla fine; la lucidatura è solo l'ultima fase.

Attenzione, ho visto molte canne rovinate con questa operazione!

Ciao
R


:: Tema adattato e rivisto da Francesco Corucci :: Ottimizzato per aria.compressa.org da NovArs - Milano - Italia ::

Per iscriversi al Portale, cioè al Sito e al Forum oppure a una sua qualsiasi sezione, è necessario accettarne incondizionatamente il Regolamento.
La registrazione al Portale o a una sua qualsiasi sezione da parte del richiedente Utente dimostra la sua piena e incondizionata accettazione del Regolamento di cui trattasi e di tutte le norme in esso contenute.
Progettazione e amministrazione del sito a cura di C. M. Leoni. Tutti i marchi e i loghi raffigurati sono di proprietà dei rispettivi Enti o Case. Tutto il resto © 2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011-2012-2013 aria.compressa.org. Tutti i commenti e gli interventi sono responsabilità di chi li effettua.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owners. All the rest © 2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011-2012-2013 aria.compressa.org. The comments are responsibility of their respective posters.
È tassativamente vietato prelevare contenuti da qualsiasi sezione del Portale e pubblicarli in altri spazi web o diffonderli pubblicamente in forma elettronica o cartacea senza il consenso scritto del Webmaster e senza citarne espressamente la fonte.
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.12 Secondi